Igiene Ambientale Management

| VIA FONDO AUSA N.16, 47891 DOGANA (RSM)

Catasto rifiuti anno 2017 Art. 27 D.D. 44 “Codice Ambientale”

A partire dal 2 Gennaio è possibile effettuare la dichiarazione annuale dei rifiuti mediante il servizio web UOGA, sarà possibile effettuare la dichiarazione sino al 30 aprile.

Come già da qualche anno, ai fini della registrazione i dati che riguardano la produzione dei rifiuti dovranno essere inviati dalle imprese del territorio in maniera telematica.

Il software permette alle aziende interessate di inviare i dati relativi alla produzione, alla raccolta, al trasporto, dei rifiuti gestiti nell’anno 2017 direttamente all’ente competente.

img-20161011-wa0000

In base all’Art 27 del Decreto Delegato n. 44 del 2012 e del “Codice Ambientale” i soggetti che devono effettuare la dichiarazione sono: tutte le aziende obbligate alla tenuta del registro di carico/scarico rifiuti, ovvero le aziende produttive che contano più di 20 dipendenti o che producono anche un solo rifiuto pericoloso indipendentemente dal numero dei dipendenti.

Il Registro di “Carico Scarico” 

(generalmente chi è soggetto alla tenuta dei registri deve effettuare la dichiarazione catastale)

I soggetti che hanno l’obbligo di tenere un registro di carico e scarico devono annotare le informazioni sulle caratteristiche qualitative e quantitative dei rifiuti, da utilizzare anche ai fini della comunicazione annuale al Catasto dei rifiuti. Le annotazioni devono essere effettuate:

a) per i produttori, almeno entro dieci giorni lavorativi dalla produzione del rifiuto e dallo scarico del medesimo;

b) per i soggetti che effettuano la raccolta e il trasporto, almeno entro dieci giorni lavorativi dalla effettuazione del trasporto;

c) per i commercianti e gli intermediari, almeno entro dieci giorni lavorativi dalla effettuazione della transazione relativa;

d) per i soggetti che effettuano le operazioni di recupero e di smaltimento, entro due giorni lavorativi dalla presa in carico dei rifiuti.

Il registro tenuto dagli stabilimenti e dalle imprese che svolgono attività di gestione di rifiuti deve, inoltre, contenere:

a) l’origine, la quantità, le caratteristiche e la destinazione specifica dei rifiuti;

b) la data del carico e dello scarico dei rifiuti ed il mezzo di trasporto utilizzato;

c) il metodo di trattamento impiegato.

I registri sono tenuti presso ogni impianto di produzione, di stoccaggio, di recupero e di smaltimento di rifiuti, presso la sede delle imprese che effettuano attività di raccolta e trasporto, nonché presso la sede dei commercianti e degli intermediari. I registri relativi alle operazioni di smaltimento dei rifiuti in discariche site in territorio, devono essere conservati a tempo indeterminato ed al termine dell’attività devono essere consegnati all’autorità che ha rilasciato l’autorizzazione.

 

Chi è esonerato dalla comunicazione Web UOGA

Sono esonerati dall’obbligo di comunicazione, oltre alle aziende con meno di 20 dipendenti, anche gli imprenditori agricoli, limitatamente a coloro che hanno prodotto solamente rifiuti non pericolosi; le imprese che raccolgono e trasportano i propri rifiuti pericolosi e non pericolosi in modo occasionale* e saltuario (vedi limitazioni sotto)  in centri autorizzati all’interno del territorio della Repubblica di San Marino.

*Sono considerati occasionali e saltuari i trasporti di rifiuti che “non eccedano i 30 chilogrammi o 30 litri al giorno e, comunque, non superino il limite massimo di trasporto complessivo di 100 chilogrammi o 100 litri all’anno”.

Dai un occhiata al “Codice Ambientale”     –   D.D. 44 27 04 12

Per chi avesse necessità di una consulenza in merito o di un aiuto tecnico per tale attività IAM è disponibile a supportarvi, non esitate a contattarci.

Ufficio. 0549 941393    Referente Tecnico. 339 6930738                                                        Resp. Amministrazione 334 3610359   Mail. info@iamrsm.com

 

 

 

 

Nessun commento ancora

Lascia un commento