Igiene Ambientale Management

| VIA FONDO AUSA N.16, 47891 DOGANA (RSM)

Il Compostaggio

Che cosa è il compostaggio domestico? Questa è la definizione riportata da Wikipedia:

Il compost, detto anche terricciato o composta, è il risultato della bio-ossidazione e dell’umificazione di un misto di materie organiche (come ad esempio residui di potatura, scarti di cucina, letame, liquame o i rifiuti del giardinaggio come foglie ed erba sfalciata) da parte di macro e microrganismi in condizioni particolari: presenza di ossigeno ed equilibrio tra gli elementi chimici della materia coinvolta nella trasformazione.

Il compostaggio, o biostabilizzazione, è un processo biologico aerobico e controllato dall’uomo che porta alla produzione di una miscela di sostanze umificate (il compost) a partire da residui vegetali sia verdi sia legnosi o anche animali mediante l’azione di batteri e funghi.

Il compost può essere utilizzato come ammendante, destinato poi per usi agronomici o per florovivaismo.Il suo utilizzo, con l’apporto di sostanza organica migliora la struttura del suolo e la disponibilità di elementi nutritivi (composti del fosforo e dell’azoto). Come attivatore biologico aumenta inoltre la biodiversità della microflora nel suolo.”

Ma partiamo dall’inizio.

Ogni anno in Italia si producono circa 32 milioni di tonnellate di rifiuti urbani: significa che ogni cittadino italiano produce in un anno 541 kg di rifiuti urbani, pari a 1,48 kg al giorno.

Assimilando la statistica italiana a quella Sammarinese potremmo asserire che il 35% dei rifiuti indifferenziati prodotti in Repubblica è costituito da frazione organica (scarti di cucina e sfalci di giardinaggio). Tale frazione potrebbe essere recuperata e sottratta allo smaltimento in discarica con il compostaggio domestico o con la differenziata “porta a porta” che a breve sarà estesa su altre aree del territorio.

Anche a San Marino abbiamo già  attivato degli impianti per la gestione del rifiuto organico le cosiddette “biocelle”, nelle quali avviene il processo di  compostaggio.

La biocella costituisce un modulo all’interno del quale viene immesso il rifiuto umido compostabile; essa ha un sistema di areazione per consentire la omogenea distribuzione dell’ossigeno nella massa dei rifiuti (substrato).

La particolarità del sistema di distribuzione dell’aria rappresenta la principale innovazione tecnologica dell’impianto.

L’aria prelevata dall’ambiente esterno mediante un ventilatore centrifugo collegato ad una serie di tubazioni, è distribuita all’interno della biocella attraverso un pavimento appositamente forato.

Per assicurare la giusta percentuale di ossigeno una saracinesca posta nella tubazione di uscita dal biofiltro consente di arricchire l’aria di ossigeno in modo da permettere il processo di ossidazione richiesto nel compostaggio.

Il percolato che viene prodotto durante la fase ossidativa è inviato ad un pozzetto di raccolta il quale viene  riutilizzato essendo ricco di nutrienti utili per il compostaggio.

Terminato il processo all’interno della biocella,si passa alla fase di vagliatura per la conseguente raffinazione sino a giungere al prodotto finale.

img-biocellaImmagini di Repertorio

Quali sono i vantaggi immediati del compostaggio domestico?

  • La prima, fondamentale, ragione è indubbiamente di natura civico-ambientalista. Un tale impegno ci renderebbe più consapevoli della forte necessità di tutelare l’ambiente e la salute della collettività.
  • In secondo luogo la riduzione della frazione indifferenziata porterebbe ad un indiscusso risparmio economico. Non dimentichiamoci che San Marino conferisce il 100% del rifiuto non riciclabile prodotto in discarica o in inceneritore, sostenendo costi di smaltimento alti. I benefici di un tale risparmio sarebbero, particolarmente in questo momento, di sicuro aiuto per il Paese.
  • Lo smaltimento tradizionale ha conseguenti problemi di inquinamento in atmosfera o nel suolo a seconda della forma di smaltimento utilizzata (inceneritore o discarica).
  • Il materiale organico compostato è una materia prima preziosa,  ricca di nutrienti ed è in grado di sostituire i fertilizzanti chimici nella concimazione del terreno.
  • Un’ultima motivazione potrebbe essere che il compostaggio è una bella esperienza educativa per le nuove generazioni.

Composter

Immagini di Repertorio

Per aiutare l’ambiente inizia a compostare i tuoi rifiuti domestici organici.

Se vuoi saperne di più consulta anche il sito dell’Azienda Autonoma di Stato per i Servizi Pubblici.

http://www.aass.sm/site/home/ambiente/compostaggio.html

“Guida al compostaggio domestico”.

Nessun commento ancora

Lascia un commento