Igiene Ambientale Management

| VIA FONDO AUSA N.16, 47891 DOGANA (RSM)

La scoperta dell’acqua fresca

Oggi è possibile bere bene nel rispetto dell’ambiente grazie alle sempre più frequentate “casine dell’acqua” potabile. Complice la crisi generale e una ritrovata sensibilità ambientale, in molti hanno riacquistato fiducia nell’acqua del nostro acquedotto.

Spesso ci si chiede se l’acqua alla spina sia sicura come quella imbottigliata; vediamo i processi che subisce prima di arrivare sulle nostre tavole.

Precedentemente trattata prima dell’emissione nell’acquedotto, viene microfiltrata dall’impianto interno del distributore mediante filtri  a carbone attivo e ceramici, che eliminano eventuali particelle in sospensione e odori sgradevoli garantendo nel contempo la qualità dell’acqua.

Il processo di microfiltrazione permette all’acqua di  mantenere  i sali minerali che le assicurano un’elevata qualità, inoltre il sistema viene costantemente monitorato, sottoposto a manutenzione e sanificato periodicamente. Un ulteriore procedimento a garanzia della sicurezza dell’acqua viene effettuato  a cura di specifiche lampade a luce ultravioletta, che irradiando  una porzione di tubatura trasparente operano un processo di sterilizzazione chiamato “radiazione ultravioletta germicida” che ha effetto mortale su microorganismi patogeni quali: escherichia coli, enterococchi, clostridi e coliformi.

In definitiva si può affermare che l’acqua delle casine sia di buona qualità e sicura almeno quanto la minerale confezionata.

casa-acqua L’acqua erogata alla spina è sempre refrigerata e pronta all’uso, ma la principale attrattiva per il consumatore è rappresentata dall’acqua frizzante che si può avere ad un prezzo modico. Il prezzo medio per  un litro di frizzante si aggira sui 0,03 – 0,05 € litro, il solo costo della Co2 disciolta nell’acqua.  Considerando un consumo pro capite di più di 200 lt anno chi beve acqua della spina risparmia in media 0,20 € al litro per la liscia (prezzo medio di acquisto delle più comuni acque minerali in commercio) per un totale annuo di  40,00 € che sale ad 140,00 €  nel caso della frizzante in bottiglia.

 

Buona parte del successo delle acque minerali in commercio è dovuto alla sempre maggiore pressione pubblicitaria che grazie anche a testimonial d’eccezione hanno  fatto aumentare il consumo di acqua in bottiglie del 65%  negli ultimi 15 anni. Una fonte di inquinamento enorme se si considera che per produrre 1 Kg di PET (imballaggio utilizzato per il confezionamento delle minerali) sono necessari poco meno di 2Kg di petrolio e 17 lt di acqua, mentre la lavorazione stessa rilascia nell’atmosfera 2,3 Kg di anidride carbonica, 40 gr di idrocarburi 25 gr di ossidi di zolfo e 18 gr di monossido di carbonio. A questo va aggiunto l’inquinamento dovuto al trasporto su gomma che in Italia rappresenta 82% dei trasporti totali.

Sotto riportatati tutti dati di consumo e risparmio della “casa dell’acqua ad Acquaviva” gentilmente forniti dall’AASS.

Per ulteriori informazioni:      http://www.aass.sm/site/home/ciclo-idrico.html

Qualche consiglio per il consumo ottimale dell’acqua alla spina:

  • evitare le grandi scorte perché i contenitori domestici non sono sterili e l’acqua è soggetta a deteriorarsi;
  • conservare l’acqua al fresco o nel frigorifero e comunque consumarla in 2-3 giorni massimo;
  • utilizzare preferibilmente bottiglie in vetro perché anche a distanza di tempo non cedono sostanze all’acqua contenuta;
  • lavare periodicamente le bottiglie con acqua calda e sapone.

Dopo quanto riportato  siete ancora convinti che l’acqua minerale confezionata sia la soluzione migliore?

Nessun commento ancora

Lascia un commento