COMPARAZIONE ARTICOLI

Hai 0 articoli in comparazione

ARTICOLI IN WISHLIST

Hai 0 articoli in lista

ARTICOLI AGGIUNTI DI RECENTE

Tot. Articoli 0

Servizio Clienti
 0549.941393
Ricerca prodotti nel Mercatino dell'usato IAM
mercatino-usato-verona-2

Rifiuti= opportunità economica di Mirkare Manzi

 
Quella di quest’anno, per i motivi che ho poco sopra accennato, si presenta un po’ in controtendenza rispetto al passato: se sino dodici mesi fa accadeva con buona frequenza che le persone regalassero ad amici o parenti le cose che erano state “dismesse” o che portassero nei centri preposti indumenti, biciclette, stereo, scarpe, libri e “tutto quello che non serviva più”, adesso gli stessi “rifiuti” vengono visti in maniera diversa, ovvero come “opportunità economica”. I “rifiuti” degli ambienti domestici e delle imprese – per essere più preciso, solamente alcune tipologie – stanno convergendo verso i mercatini in quanto il trend è quello di cercare di monetizzare il più possibile: insomma, si cerca di “ottimizzare”, anche per cercare di arginare, almeno in parte, l’aumento del costo della vita.  Questa crisi dalle variegate facce, in estrema sintesi, ha fatto capire che il rifiuto è una seconda opportunità e che può far entrare qualche prezioso euro, sempre utile per far fronte alle spese.
Ma ci sono anche altre attenzioni che possono essere messe in campo per risparmiare. A partire dalla casa – quindi da una spesa “su misura”, dall’utilizzare gli alimenti avanzati per preparare qualche altro piatto (ricordiamo i “tortini” della nonna, farciti con grande fantasia e con quello che era rimasto in frigo) sino agli abiti o alle bottiglie di plastiche che possono trasformarsi in fioriere – passando per le attività lavorative. Imprese che utilizzano tantissima carta. Il primo suggerimento – nulla di nuovo, gli occhi più attenti la seguente frase, “Non stampare questa mail se non è necessario”, l’hanno letta e riletta tantissime volte – è quello di ascoltare quanto “suggerito. Certo, l’abitudine di leggere su carta è dura da “scardinare” ma quante parole “digitali” leggiamo tutti i giorni sugli smartphone o sui tablet? Se poi davvero si preferisce “leggere” in maniera “materica”, basta riciclare i fogli A4 già usati. Come? Molte stampanti hanno più di un cassetto per il formato A4: basta predisporne uno per la carta già utilizzata (basta mettere i fogli dal verso giusto per evitare sovrapposizioni: si corre il rischio di non leggere nulla) e il “risparmio” va in stampa!
I fogli già “stampati” poi possono diventare un “block notes” su cui prendere appunti. Anche in questo caso, basta “ribaltarli”, magari “pinzarli” e sono pronti per fare quello che devono fare: accogliere parole, numeri di telefono, indirizzi email, appuntamenti.
Un altro suggerimento è legato ai raccoglitori di fatture e documenti vari. Una volta “digitalizzato” quello che può servire, possono essere recuperati. Per abbattere i “costi gestionali” – i prezzi dei nuovi “libri con anelli” non sono bassi bassi, anzi - basta “ripulirli” dei contenuti e rimetterli “in campo”.
Come? Con alcune etichette, oppure ricoprendoli con carta. Anche già usata, perché no: in fondo, spesso, un “lato” del foglio rimane sempre bianco.

 
Tag Associati
Categorie Associate
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipisicing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua. Ut enim ad minim veniam, quis nostrud exercitation ullamco laboris nisi ut aliquip ex ea commodo consequat.
Cerca nel Blog
Calendario
febbraio 2024
LMMGVSD
   1234
567891011
12131415161718
19202122232425
26272829   
Filtra per mese
Tag più popolari
Cerca nel Blog
Filtra per mese
Copyright Igiene Ambientale Management S.R.L. 2021 - All Rights Reserved - Privacy Policy - Cookie Policy | Credits
Powered by Passepartout