COMPARAZIONE ARTICOLI

Hai 0 articoli in comparazione

ARTICOLI IN WISHLIST

Hai 0 articoli in lista

ARTICOLI AGGIUNTI DI RECENTE

Tot. Articoli 0

Servizio Clienti
 0549.941393
Ricerca prodotti nel Mercatino dell'usato IAM
borse-nere-nella-neve-spazzatura-su-strada-rifiuti-in-sacchi-buttare-fuori-spazzatura-su-strada-discarica-illegale-2jmcha1

Come mettere in sicurezza anche dagli agenti atmosferici i propri rifiuti?di Mirkare Manzi

 
Com’è noto, molte realtà produttive del Monte Titano “accomodano” i propri rifiuti nelle aree esterne
Alcune tipologie non soffrono gli sbalzi di temperatura (questo mese approfondisco le “gelate”, a mano a mano che ci avviciniamo alla bella stagione affronterò “il caldo”) mentre altre lo subiscono in maniera molto decisa. Questo “cambio di stato” – lo dico subito – fa aumentare i costi legati alla gestione. Vado sul concreto: si prenda come esempio un’officina o una carrozzeria. Tra gli scarti che vengono lasciati alle intemperie ci sono anche gli oli. Oli che, se vengono “macchiati” dall’acqua, dalla neve o dal ghiaccio, diventano emulsioni. Questa “metamorfosi” si traduce – quando verranno mandati nei siti preposti alla raccolta - anche in una maggiorazione dell’esborso economico. Vi sono anche altri prodotti che soffrono l’acqua: penso alle vernici o alle pitture, ai grassi (anche di natura organica) che con il freddo e il gelo tendono a consolidarsi formando sul fondo una morchia. “Far portare via”, come si dice in gergo, i rifiuti solidi costa di più rispetto all’eliminazione di quelli liquidi. Una pratica efficace è quella di isolarli, magari con un tappo.
La regola di base quindi è la seguente: i rifiuti, a prescindere dalla loro composizione chimica, devono in linea di massima essere coperti. Con alcune eccezioni, ovvio, ma non è di queste che voglio parlare. Gli “scarti” che si prendono la pioggia e il ghiaccio, si sa, non sono così sicuri per l’ambiente. A chi non è capitato (o chi non ha visto) un solvente che dopo una notte sotto le stelle e con la temperatura sotto lo zero ha gonfiato l’imballaggio che lo conteneva andandolo a danneggiare? Una “crepa” che ha ricadute sia per quel che concerne la gestione del rifiuto ma anche dal punto di vista ambientale: lo sversamento finisce sulla terra e poi scende in profondità, inquinando.
Altro caso: gli imballaggi plastici omologati ADR che, essendo fatti di plastica, se esposti agli agenti atmosferici si deteriorano sino a perdere la loro capacità “contenitiva” e isolante, facendo fuoriuscire il prodotto contenuto. Il mio consiglio quindi è quello, ove possibile, di tenere al coperto o all’interno i rifiuti, cercando di non accumularne troppi.  
                 
 
Tag Associati
Categorie Associate
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipisicing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua. Ut enim ad minim veniam, quis nostrud exercitation ullamco laboris nisi ut aliquip ex ea commodo consequat.
Cerca nel Blog
Calendario
luglio 2024
LMMGVSD
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031    
Filtra per mese
Tag più popolari
Cerca nel Blog
Filtra per mese
Copyright Igiene Ambientale Management S.R.L. 2021 - All Rights Reserved - Privacy Policy - Cookie Policy | Credits
Powered by Passepartout