COMPARAZIONE ARTICOLI

Hai 0 articoli in comparazione

ARTICOLI IN WISHLIST

Hai 0 articoli in lista

ARTICOLI AGGIUNTI DI RECENTE

Tot. Articoli 0

Servizio Clienti
 0549.941393
Ricerca prodotti nel Mercatino dell'usato IAM
raccolta-differenziata-estate

IAM Rubrica di Agosto 2021 di Mirkare Manzi : Il caldo e i rifiuti

 
L’intensità del caldo, davvero straordinaria quest’anno, si ripercuote non solo sulla salute e sull’umore delle persone ma anche su alcune tipologie di rifiuti.

Non parlo di quelli industriali – ricordo, per fare un esempio pratico, che le vernici solventi possono incendiarsi anche a besse temperature e quindi l’attenzione è sempre massima, sia con la calura che con il freddo – ma di quelli domestici, quindi ci addentriamo in un campo più civile (anche se va detto che gli imprenditori e i lavoratori, una volta che finiscono i loro orari, tornano a casa e quindi quello che sto per scrivere li riguarda).

Campo civile che, soprattutto in estate, diventa un po’ più “complicato”. Nulla di trascendentale, ovviamente: bastano piccoli ma importanti accorgimenti per gestire al meglio i rifiuti che “produciamo” in casa. I “problemi” più grandi – si fa per dire – riguardano, come ci suggeriscono l’olfatto e gli occhi – gli organici (avanza di frutta e di verdura, cibo in generale e quant’altro) che con l’innalzarsi del termometro iniziano a “fermentare”. Il mio consiglio quindi è di essere più attenti e impegnarsi a separarli con più precisione: una pratica che “aiuta” sia i cittadini che li producono che chi poi li deve gestire e lavorare. Il caldo difatti accelera la decomposizione e parimenti aumenta il rischio di cattivi odori, dovuti al liquame che si forma.

Dall’incontro tra il cibo non finito e carte, cartine, cartone e plastiche “nasce” un materiale quasi fangoso che, oltre a emanare un cattivo odore, attira anche insetti e altri animali. Cosa fare quindi? La soluzione è facile e richiede solo un po’ di pazienza e qualche “passo” in più. Mi spiego: non aspettate che il bidone dell’organico sia pieno per andarlo a svuotare – cosa che si può fare in inverno quando è più freddo e si è anche un po’ più “pigri” – ma cercate di “liberarvene” quotidianamente. In alcune zone della Repubblica di San Marino la raccolta avviene con cadenza giornaliera, in altre invece no.

Nel caso che non si è “coperti” day by day, individuate un’isola ecologica nei paraggi e portate i vostri “sacchetti” (al plurale: uno per la frutta, uno per la carta utilizzata in cucina, eccetera) negli appositi “conferitori”. Non occorre recarsi a mezzogiorno spaccato, va benissimo anche all’imbrunire, quando cioè l’afa cala. 
Qualche pillola sintetica quindi, per ottimizzare la gestione dei rifiuti. Utilizzare sempre il sacco giusto. Differenziare i rifiuti organici. Quando si può, poi, cercare di utilizzare un contenitore aerato. L’umido va sgocciolato e non pressato. E infine, ridurre gli sprechi: spesso quello che buttiamo può venir buono per altri piatti.
Tag Associati
Categorie Associate
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipisicing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua. Ut enim ad minim veniam, quis nostrud exercitation ullamco laboris nisi ut aliquip ex ea commodo consequat.
Cerca nel Blog
Calendario
agosto 2022
LMMGVSD
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031    
Filtra per mese
Tag più popolari
Cerca nel Blog
Filtra per mese
Copyright Igiene Ambientale Management S.R.L. 2021 - All Rights Reserved - Privacy Policy - Cookie Policy | Credits
Powered by Passepartout