COMPARAZIONE ARTICOLI

Hai 0 articoli in comparazione

ARTICOLI IN WISHLIST

Hai 0 articoli in lista

ARTICOLI AGGIUNTI DI RECENTE

Tot. Articoli 0

Servizio Clienti
 0549.941393
Ricerca prodotti nel Mercatino dell'usato IAM
cup-of-coffee-1280537_960_720

IAM Rubrica di Ottobre 2021 di Mirkare Manzi: Pausa caffè: differenziamo.

 
La classica scena che tutti noi viviamo ogni giorno anche più volte. Dopo aver lavorato a testa bassa, risposto alle email o alle telefonate, preso ordini per l’acquisto di materiali o servizi, annunciato una serie di decisioni o aver eseguito un compito che coi è stato assegnato, arriva la pausa caffè: due chiacchiere, uno scambio di opinioni, un commento sulla stretta attualità o sulla partita di calcio della squadra del cuore e via, finito di sorseggiare la “bevanda marrone”, arriva il momento di dove gettare i rifiuti.

Bicchiere di plastica, paletta, bustina di zucchero (per chi lo ama dolce), salvietta per pulire le mani (spesso difatti, mescolando, qualche goccia ci si attacca alla dita) spesso vengono “accorpati” – quante volte abbiamo visto questa fotografia? Carta, cucchiaino e l’involucro dello zucchero pigiati per bene dentro il bicchiere – e buttati nell’indifferenziata. Eppure basterebbe davvero poco – è più una forma mentis che una fatica vera – a gestirli in maniera corretta negli appositi ecobox (che IAM, lo ricordo, distribuisce gratuitamente): poiché sono a tutti gli effetti rifiuti assimilabili all’urbano, il mio invito è quello di farsi venire un po’ di “voglia di dividerli” nei contenitori preposti.
Trattandosi quasi sempre di materiale riciclabile, basta davvero solo un minimo di attenzione: la plastica – quindi palette e bicchieri – vanno nella plastica, le bustine di zucchero invece – anche se contengono il dolcificante – vanno nella carta. Nell’indifferenziata invece ci vanno i poliaccoppiati: se il nome vi dice poco, vi dico che in realtà si tratta delle capsule del caffè, spesso rivestite di alluminio.
Mi soffermo volentieri sui cucchiaini e sui bicchierini: sapevate che, se gestiti in maniera virtuosa (e semplice) possono trasformarsi in una nuova Materia Prima Seconda che serve per produrre  il polistirene espandibile (EPS), un materiale impiegato per costruire i pannelli utilizzati nell’isolamento termico a cappotto?
Per rimanere sulle aree di ristoro – focus della rubrica di questo mese -, arriviamo alle mense. Forchette, coltelli, cucchiai, piatti e bicchieri – quelli di plastica – sono quasi sempre compostabili. Compostabili che però costano più degli “usa e getta”. L’obiettivo degli esperti ambientali è quello di ridurre i “monouso”: un must, certo, che però, purtroppo, si scontra con i prezzi.

Prezzi delle materie prime che, da quando è scoppiato il problema Covid, sono schizzati alle stelle: su questa crescita incidono gli stop agli spostamenti delle merci (o comunque un vistoso rallentamento) avvenuto nei mesi scorsi,
La pandemia, lo notiamo tutti, ha portato a una decuplicazione degli imballaggi: per motivi di salute, oggi tutto è diventato “monouso”. Se le persone sono più “protette” (anche se, va detto, si è generata una sorta di psicosi), l’ambiente invece si sta ammalando.   
 

 
 
 
Tag Associati
Categorie Associate
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipisicing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua. Ut enim ad minim veniam, quis nostrud exercitation ullamco laboris nisi ut aliquip ex ea commodo consequat.
Cerca nel Blog
Calendario
gennaio 2022
LMMGVSD
     12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31      
Filtra per mese
Tag più popolari
Cerca nel Blog
Filtra per mese
Copyright Igiene Ambientale Management S.R.L. 2021 - All Rights Reserved - Privacy Policy - Cookie Policy | Credits
Powered by Passepartout