COMPARAZIONE ARTICOLI

Hai 0 articoli in comparazione

ARTICOLI IN WISHLIST

Hai 0 articoli in lista

ARTICOLI AGGIUNTI DI RECENTE

Tot. Articoli 0

Servizio Clienti
 0549.941393
Ricerca prodotti nel Mercatino dell'usato IAM
riciclaggio-plastica

Il processo di recupero delle plastiche e della differenziata :Rubrica di Mirkare Manzi

 
Non è così invece per le plastiche che, nel tempo, sono diventate davvero un super-problema in quanto esistono “milioni” di tipologie e quindi altrettanti “milioni” di gestioni diverse: le plastiche possono essere classificate per tipologia di genere, di processo produttivo, eccetera.
Spessissimo dalla maggior parte delle plastiche che “girano” nei mercati (e nelle abitazioni delle persone e negli stabilimenti produttivi) non si riesce a “ricavare” un’altra plastica.
Il processo di recupero delle plastiche è davvero molto complesso.
Certo, alcune “tipologie” un po’ più nobili e pregiate – mi riferisco al PVC, al PET, al nylon e al cellophane – riescono ad essere recuperate ma, come detto, la maggior parte delle plastiche che diventano “rifiuti” finiscono nei termodistruttori.
Ora: questa parola non deve spaventare i lettori perché i termodistruttori “trasformano” – senza andare troppo nel tecnico – le plastiche “povere” in energia.
Quindi, come si può evincere, è sempre importante “separare” i rifiuti ed è altrettanto fondamentale farlo in maniera corretta: questa “buona pratica” non deve decadere anche perché, non mi stancherò mai di ripeterlo, una “ripartizione” dei rifiuti ha costi di gestione più bassi e agevola gli impianti che li ricevono e, di conseguenza, anche le amministrazioni pubbliche.
Non c’è la pretesa che tutti siano “chimici” o esperti di gestione: la maggior parte delle volte basta solo un po’ di buon senso o di accesso a informazioni basiche.
Nessun allarmismo ma sono certo che molti lettori sono venuti a conoscenza – o hanno letto su Internet o sui giornali – notizie di rifiuti gestiti male, o magari contaminati, o gestiti, come si suol dire, alla “carlona”. Eppure basta davvero poco. Basta capire che la gestione non deve essere vista come una seccatura ma come un’attenzione all’ambiente. Un esempio: se avete messo in una bottiglia di vetro una certa quantità di “miscela” per la moto o per la motosega o per il “trattorino” che utilizzate per falciare l’erba del giardino (sono esempi casuali, giusto per farmi capire) e poi, una volta “svuotata”, la dovete eliminare, non buttatela nella sezione “vetro” come se niente fosse.
Visto che quel vetro è stato a contatto con un materiale pericoloso – oltre alla benzina questo discorso può essere ampliato ai solventi, alle vernici e alle pitture quindi a materiali che rientrano nella categoria dei rifiuti speciali e pericolosi in quanto infiammabili e inquinanti – anch’esso diventa “speciale e pericoloso” e non più “recuperabile”.
Come smaltirlo quindi? Basta andare al centro multiraccolta di San Giovanni: lì si occuperanno della corretta gestione.  
 
Tag Associati
Categorie Associate
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipisicing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua. Ut enim ad minim veniam, quis nostrud exercitation ullamco laboris nisi ut aliquip ex ea commodo consequat.
Cerca nel Blog
Calendario
giugno 2024
LMMGVSD
     12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
Filtra per mese
Tag più popolari
Cerca nel Blog
Filtra per mese
Copyright Igiene Ambientale Management S.R.L. 2021 - All Rights Reserved - Privacy Policy - Cookie Policy | Credits
Powered by Passepartout