COMPARAZIONE ARTICOLI

Hai 0 articoli in comparazione

ARTICOLI IN WISHLIST

Hai 0 articoli in lista

ARTICOLI AGGIUNTI DI RECENTE

Tot. Articoli 0

Servizio Clienti
 0549.941393
Ricerca prodotti nel Mercatino dell'usato IAM
impresa-di-pulizia-per-raccolta-gestione-e-trattamento-rifiuti

Rubrica Aprile 2022 di Mirkare Manzi: Come snellire,il matching tra le richieste delle imprese e le strutture che accolgono i rifiuti?

 
Ma se una volta questa operazione si faceva in maniera snella – bastava cioè portare quello che non si adopera più nei centri preposti – da qualche tempo, e in maniera più stringente dal 2022, le carte sono un po’ cambiate.
Nessun allarmismo, sia chiaro: il fatto è che le normative, le direttive e i Decreti hanno stretto le “maglie” e sono diventati più precisi.
Se sino a qualche anno fa bastava fare una telefonata per accordarsi sulle modalità e i tempi di ritiro, adesso occorre muoversi con un po’ di anticipo.
Il mega settore “dell’ambiente, dei rifiuti e dell’ecologia” richiede può “professionalità”.
Ed è quello che noi di IAM cerchiamo di spiegare ai clienti quando, davanti a una nostra disponibilità ad accogliere i rifiuti non nell’arco di poche ore ma magari di qualche giorno, riceviamo come risposta uno “sbuffo” o qualche lamentela.
Come dicevo poco sopra, il mega settore – che sta facendo passi da gigante – oggi “segue” le Leggi sammarinesi, italiane ed europee e quindi si è indubbiamente “sofisticato”. Come snellire, nei limiti del possibile, il matching tra le richieste delle imprese e le strutture che accolgono i rifiuti?
In prima battuta direi che è necessario procedere a una cernita e a una selezione accurata del materiale “scartato”. È importante sapere cose si ha in azienda o in casa perché, e chi segue la nostra rubrica ne è già a conoscenza, sotto la parola “rifiuto” si celano tantissime sottocategorie che vanno dai RSU (Rifiuti Solidi Urbani) agli speciali pericolosi e quelli non pericolosi.
Chiarisco: la gestione della carta è diversa da quella della plastica o del vetro o del legno o di parti di macchinari utilizzati nelle imprese.
Il “problema”, che ritengo assolutamente risolvibile, è che sia i privati che le imprese non sono ancora pronti a “gestire” i rifiuti secondo le nuove indicazioni e quindi si ritrovano a una “gestione” e a modalità differenti rispetto a quelle a cui erano abituati.
Il settore dei rifiuti è diventato – e perdonate il “francesismo” ma preferisco essere chiaro e non fare giri di parole – da “immondezzaio” a “farmacista” lì dove per “farmacista” mi riferisco all’attenzione certosina che hanno i farmacisti a “pesare” gli elementi chimici e a dosare con precisione ogni singolo componente.
Andando verso la conclusione, il mio invito è quello di programmare in tempo – se non proprio con “largo anticipo” perlomeno di qualche giorno o qualche settimana – la “consegna” dei rifiuti e “sapere” soprattutto cosa si consegna.
Noi di IAM siamo consapevoli che non tutte le persone sono dei “chimici” e che non hanno le conoscenze per fare una “carta di identità” degli scarti. Per questo “supporto” IAM è sempre disponibile a intervenire e a fare consulenza.   
 
                                                                                                                                                                    Mirkare Manzi      
 
Tag Associati
Categorie Associate
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipisicing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua. Ut enim ad minim veniam, quis nostrud exercitation ullamco laboris nisi ut aliquip ex ea commodo consequat.
Cerca nel Blog
Calendario
febbraio 2023
LMMGVSD
  12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728     
Filtra per mese
Tag più popolari
Cerca nel Blog
Filtra per mese
Copyright Igiene Ambientale Management S.R.L. 2021 - All Rights Reserved - Privacy Policy - Cookie Policy | Credits
Powered by Passepartout