COMPARAZIONE ARTICOLI

Hai 0 articoli in comparazione

ARTICOLI IN WISHLIST

Hai 0 articoli in lista

ARTICOLI AGGIUNTI DI RECENTE

Tot. Articoli 0

Servizio Clienti
 0549.941393
Ricerca prodotti nel Mercatino dell'usato IAM
2-cassonetti

Rubrica Dicembre 2022: Contenitori rifiuti, separare significa tagliare i costi

 
Come gli imprenditori e i dipendenti sanno, esistono diverse tipologie di box: quelli da interno e quelli da esterno. Prima di entrare tra le righe ed evidenziare le differenze, faccio un attimo un passo indietro: in cambio dei bidoncini alle imprese chiediamo di trovare una soluzione logistica ottimale, sia per l’interno che, soprattutto, per l’esterno: i contenitori “outdoor” possono coprire una superficie anche di 12 o 13 metri quadrati. Per questo la nostra richiesta è quella di “fare un piccolo sforzo” per individuale uno spazio adeguato. Dicevo: i costi. Faremo di tutto per riuscire a mantenere gratuita la consegna dei box. Vero è che, come detto, tutto sta diventando più caro ma nel tempo, anche grazie a una serie di best practice e a un approccio alla gestione dei rifiuti più responsabile, la tendenza che constatiamo è quella di una minore produzione di indifferenziata e quindi una maggiore “separazione”.
Tradotto in numeri, più o meno il 90% dei rifiuti è recuperabile. Una strada che ci conforta e che rientra nella filosofia IAM: cercare di andare sempre più in un’ottica di recupero e sempre meno verso quella dello smaltimento. Se un’azienda differenzia va incontro a un abbattimento dei costi gestionali legati allo smaltimento (e quindi è chiaro che c’è un vantaggio economico) e in più contribuisce alla salute dell’ambiente.
Torno ai contenitori da esterno e da interno. Le imprese producono diverse tipologie di rifiuti e il nostro impegno è quello di cercare di ottimizzare il più possibile quello che viene scartato o che non serve più.
I box interni, quelli “piccoli” (carta, plastica, vetro, eccetera) possono fungere da supporto importante per quelli esterni in quanto sì alleggeriscono i rifiuti destinati all’aria aperta ma “mettono in campo” una prima “selezione”, quindi una prima separazione. Fanno cioè da “pre-filtro”, da anticamera. E poi ci sono i container esterni. Oltre a “recepire” i rifiuti degli ecobox, vengono utilizzati per accogliere i rifiuti non pericolosi come gli imballaggi, gli scarti del settore edile (macerie, mattoni, cartongesso, carta catramata, eccetera) e tanto altri. In alcuni casi anche i rifiuti pericolosi.
Ovviamente le operazioni di “selezione” e “pre-selezione” richiedono un po’ di tempo in più ma comportano meno oneri.
Mi conforta vedere che queste pratiche sane e gentili con l’ambiente stanno prendendo piede.
Ce ne accorgiamo dal fatturato dell’indifferenziata, che è in calo già da qualche anno.

 
Tag Associati
Categorie Associate
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipisicing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua. Ut enim ad minim veniam, quis nostrud exercitation ullamco laboris nisi ut aliquip ex ea commodo consequat.
Cerca nel Blog
Calendario
giugno 2024
LMMGVSD
     12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
Filtra per mese
Tag più popolari
Cerca nel Blog
Filtra per mese
Copyright Igiene Ambientale Management S.R.L. 2021 - All Rights Reserved - Privacy Policy - Cookie Policy | Credits
Powered by Passepartout