COMPARAZIONE ARTICOLI

Hai 0 articoli in comparazione

ARTICOLI IN WISHLIST

Hai 0 articoli in lista

ARTICOLI AGGIUNTI DI RECENTE

Tot. Articoli 0

Servizio Clienti
 0549.941393
Ricerca prodotti nel Mercatino dell'usato IAM
acqua-del-rubinetto-cap-lr

Rubrica Luglio 2022 di Mattia Marinelli: Piccole, importanti pratiche per non sprecare l’acqua

 
Caldo è caldo, ma bastano una manciata di buone pratiche per limitare sensibilmente gli sprechi. In prima battuta – e mi rivolgo agli imprenditori – serve formare i dipendenti, sensibilizzarli a non sciupare inutilmente l’acqua. Un caso pratico, che vale sia per le aziende che per i cittadini privati riguarda il lavaggio della persona. Meglio la doccia che il bagno: la prima soluzione richiede circa 15-16 litri d’acqua al minuto, la seconda invece, se si vuole riempire per bene la vasca, tra i 150 e i 200 litri. Fate due conti veloci e capirete quanto si può “sprecare” di meno e con gli stessi risultati: puliti, lavati e freschi.
Per rimanere alla pulizia della persona, quando vi lavate le mani e i denti non tenete il rubinetto aperto: non serve per quello che dovete fare. Se poi vi piace il rumore dell’acqua che scende, basta andare su Internet e troverete non solo la “musica” del lavandino ma anche quello delle onde del mare o delle cascate.
Passiamo ora al “verde” aziendale. Alcune “aree” sono funzionali al prodotto che viene realizzato o venduto – mi riferisco per esempio ai vivai – ma altre sono “per bellezza”. Se necessarie al business core ovviamente occorre innaffiare, se invece sono “di decoro”, per qualche mese si può anche “trascurarle”. I consumi, lo voglio sottolineare, si possono contenere.
Altro “punto” che spesso non viene adeguatamente trattato è quello delle “perdite”. Mi spiego: in Italia circa il 40% dell’acqua messa in Rete non “arriva” al destinatario a causa delle tubature che “lasciano per strada” il bene prezioso. Il mio suggerimento quindi è quello di tenere sotto controllo i contatori e, quando possibile, la “tenuta” degli impianti. Passino (in parte, ovviamente) le dispersioni dei tubi che ci portano l’acqua, cerchiamo magari di evitare ulteriori perdite derivanti dai nostri impianti. Perché, detta in soldoni, una buona “circolazione” ha ricadute positive sulle bollette. Alcune imprese si sono dotate di “vasche” per la raccolta dell’acqua piovana: una soluzione da tenere in considerazione per una serie di “pratiche” che non richiedono l’acqua potabile. Per finire, due “suggerimenti” per la casa. L’acqua per il lavaggio delle verdure può essere benissimo impiegata per irrigare le piante, così come l’acqua utilizzata per bollire la pasta o gli spaghetti: una volta che si è raffreddata, abbevererà i fiori. Con l’aumento delle tariffe e la crisi idrica, bastano in fondo poche ma essenziali attenzioni per far del bene al proprio portafoglio e all’ecosistema.

Mattia Marinelli
 
Tag Associati
Categorie Associate
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipisicing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua. Ut enim ad minim veniam, quis nostrud exercitation ullamco laboris nisi ut aliquip ex ea commodo consequat.
Cerca nel Blog
Calendario
febbraio 2023
LMMGVSD
  12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728     
Filtra per mese
Tag più popolari
Cerca nel Blog
Filtra per mese
Copyright Igiene Ambientale Management S.R.L. 2021 - All Rights Reserved - Privacy Policy - Cookie Policy | Credits
Powered by Passepartout